Monthly Archives: novembre 2017

ANCHE CON L’INTER BELLA FIGURA DELLE GIOVANISSIME

Campionato giovanissime regionali

fino mornasco 26.11.17 ore 10.30

Giornata soleggiata ma fredda

FCF COMO 2000 vs FC INTERNAZIONALE  == 0 a 2==

Buona cornice di pubblico  al centro Ausonia per la partita contro la capolista.

Molte acciaccate in casa bianco azzurra e per mister Mascherpa varie pedine a mezzo servizio.

Il primo tempo si e’ chiuso con il doppio vantaggio nerazzurro e nella ripresa vano il tentativo delle nostre ragazze nell arrivare ad impensierire l’area ospite .

Da segnalare anche l’infortunio a capitan Gilardoni.

FCF COMO 2000 – Annoni, Meroni, Giro’, Micieli, Galli, Bianchi, Colonna, Occhiuto, Benecchi A., Gilardoni e Schcherbaniuk.

a disposizione – Gatti, Vailati, Sironi e Fomasi

allenatore-signor Mascherpa Carlo

FC INTERNAZIONALE – Ricciardi, Carnovali, Tchouchev, Mariani, Panetta, Parolo, Poli, Gentile, Berti, Gallazzi e Marengoni.

A disposizione – Melcore, Sabbatino, Brambilla, Matera, Morleo, Cantoni e Primeraro.

I cambi sono stati fatti regolarmente.

domenica a Milano al Centro Vismara alle ore 10 contro ac Milan.

Forza ragazze

 

 

 

PRIMAVERA: LA COMO 2000  “NON” CI CREDE.

 

Inter Femminile – Fcf Como 2000  4:1;

Inter Femminile: Vanin, Maroni, Pinzin, Dell’Acqua, Capucci, Ripamonti, Lorusso, Costa, Naplone (Bosco dal 65’), Giani, Costardi (Borin dal 70’). A disp. Gramendola, Iannelli. Allenatore mister Naplone.

Fcf Como 2000: Colombo, Franchetto, Zerlottin (Pozzoli dal 30’), Spagna, Giuriani, Scarpelli M., Ienna, Boldini, Di Iorio (Bruno dal 60°),Ostini, Roventi.  (Bruno dal 69°). A disp. Casartelli, Castelletti, Valli.  Allenatori, mr. Stefano Cincotta e Caterina Magatti.

Marcatrici:  Dell’Acqua (I) al 15°, Giani (I) al 30° e al 70°, Costa (I) all’80°; Bruno (C) al 65°.

L’Inter parte con il favore del pronostico e su di un campo avvolto nella nebbia conferma di essere più forte.  La Como 2000 esce delusa dal campo perché la sconfitta non è il risultato delle numerose occasioni create dalle nerazzurre ma il frutto della disattenzione che si è rivelato il fattore determinante per l’esito dell’incontro e questo è davvero frustante, visto l’impegno messo in settimana dalle ragazze e dallo staff.

Nei primi 15 minuti la partita è abbastanza in equilibrio, l’Inter ha il predominio del gioco ma non riesce a sfondare nel muro lariano e le comasche riescono in qualche ripartenza ad affacciarsi nei pressi dell’area avversaria: con un assist Spagna premia la sovrapposizione di una generosissima Franchetto che a sua volta pesca Roventi al limite dell’area nerazzurra, ma la punta lariana viene anticipata  appena prima del tiro.

Poi, dopo 15 minuti iniziali ben giocati, si rivede il film fatto da imprecisioni e poca personalità a cui ormai si è abituati da inizio anno: rimessa laterale, cross in mezzo con la palla che cade in area di fianco ad un difensore lariano che né la prende di testa prima del rimbalzo, né la copre dall’attacco di Dell’Acqua la quale anticipa Colombo e insacca per l’1 a 0. La Como 2000 subisce fin troppo il contraccolpo e si rinchiude a protezione dell’area in balia delle incursioni dell’Inter. Più volte i terzini comaschi vengono sorpresi alle spalle, e gli estremi difensori lariani devono salvarsi in corner o in rimesse laterali, come più volte vengono persi duelli uno contro uno al limite e solo l’imprecisione dei tiri nerazzurri impedisce alle padroni di casa di allungare. La Como 2000 non si scuote, è lenta, insicura in fase di impostazione e troppo poco aggressiva in fase difensiva.

Il secondo goal che arriva al 30′ è figlio dell’atteggiamento passivo: rimessa dal fondo del portiere, anticipo delle nerazzurre su palla aerea e duello vinto da Giani che poi insacca per il 2-0.

L’Inter continua a tenere sotto pressione la retroguardia lariana e avrebbe poi la possibilità di chiudere i conti su punizione ma Colombo è ben attenta.

Nella ripresa mister Cincotta prova a disporre la squadra con un assetto più offensivo con due punte e un trequartista e la scelta sembra giovare. Le lariane alzano maggiormente il baricentro. L’Inter sembra faticare leggermente a trovare l’ultimo passaggio e la Como prende più coraggio nell’impostare anche e nel gioco verticale. Al 5’ su un veloce appoggio e scarico tra Spagna e Franchetto, Ienna viene pescata al limite dell’area  avversaria ma l’attaccante lariano  fa mancare lo scarico per Roventi avventurandosi tutta sola in un dribbling che viene contenuto dalla difesa interista veloce a raddoppiare la marcatura strozzandole il tiro.

L’Inter muove bene il pallone ma le palle in profondità vengono ben lette da Scarpelli e Giuriani che non esitano a ricominciare anche dal portiere. Ancora su una buona transizione Ienna viene trovata sola sulla trequarti, Di Iorio è abile a tagliare alle spalle del difensore nerazzurro ritrovandosi possibilmente sola davanti al portiere, ma il passaggio è impreciso e favorisce la ripartenza nerazzurra.  Qualche tempo dopo ancora l’attaccante mancino lariano molto attivo nella ripresa è abile a tagliare alle spalle della difesa e su una filtrante di Roventi a difesa battuta ha la sfortuna di ritrovarsi il pallone sotto. La partita sembra prendere una piega diversa al 15’ quando Bruno subentra a Di Iorio. Franchetto (oggi con Scarpelli migliore in campo) fa 40 metri di scatto sulla fascia dopo i quali ha ancora la lucidità per servire Bruno al limite la quale calcia di prima con forza ed è più veloce ad insaccare sulla respinta del portiere.

La Como 2000 sembra avere la volontà di recuperare, Scarpelli più volte si inserisce palla al piede o accelera la manovra con la volontà di trascinare le compagne. Pochi minuti dopo Bruno prova a calciare dal limite, ma debole. È una delle ultime occasioni. Da una punizione sulla trequarti destra al 25’ l’Inter trova il 3-1 con uno spiovente su cui Colombo non riesce ad arrivare, che termina appena sotto la traversa. La Como torna nell’ombra, si rintana nella propria metà campo e, abbattuta, va a far saltare le geometrie difensive. L’Inter Dilaga. Su un retropassaggio sbagliato Colombo è abile ad anticipare la punta che si stava avventando sulla palla. Franchetto encomiabile per lo spirito con il quale va a pressare le avversarie, lascia tuttavia scoperto un po’ troppo il fianco destro da cui arrivano vari cross che Scarpelli e Colombo sono abili a respingere. Si ritorna ad essere lente ed impacciate nell’impostare, e su un duello vinto in fascia sulla destra e sul successivo cross in mezzo arriva il definitivo 4-1. Si potrebbe considerare “buona” la prestazioni delle giovani lariane, essendo riuscite ad essere a tratti pericolose contro le prime della classe, ma se non si riesce a crescere in quelle disattenzioni che contraddistinguono gran parte delle reti subite, giocare bene serve a poco.

Speriamo che contro il Mozzanica si possa vedere quel salto di maturità che ancora non si è dimostrato.

A fine partita molto amareggiato Stefano Cincotta: “all’uscita dal campo ho captato commenti positivi da chi ha visto la partita da fuori. Vedere la mia collaboratrice Caterina Magatti e le mie giocatrici deluse e/o abbattute mi ha fatto capire che abbiamo ancora molto da migliorare anche caratterialmente, speriamo già dalla prossima.”

Sedriano, 25/11/2017

s.c.

SERIE B: Como 2000 a due facce, spreca e viene sconfitta

Erba, 26 Novembre 2017

FCF COMO 2000 – MILAN LADIES 1- 2

FCF COMO 2000: Pini, Nascamani, Cascarano, Sessa, Stefanazzi, (33° s.t. Cappelletti) Viganò , Catelli (41° s.t. Crapanzano), Morosi, Mammoliti, Badiali, Talarico (33° s.t. Brazzarola).

A DISP. Colombo, Lanzetti, Maschio, Beninati.

All. Gerosa

MILAN LADIES: Pilato, Wolleb, D’ugo, Rumetti, Pedrazzani, Longo, Merigo, Carabetta (22° s.t. Cataldo), Di Luzio, (44° s.t Fontana), Longoni (33° s.t. Cantoni), Vai.

A DISP. Locatelli,Ferraro, Spinelli, Barbuiani.

All. Minio

Arb. Manicardi da Modena

E’ una Como 2000 desiderosa di far bene quella che si appresta ad affrontare la Milan Ladies., dopo la deludente prestazione contro l’altra squadra meneghina del turno precedente.

E’ il vento a farla da padrone, causando molti cambi di traiettorie e una difficoltà ad impostare azioni, rendendo difficili anche i passaggi apparentemente facili.

La squadra di mister Gerosa si presenta con la novità Cascarano schierata sulla linea delle centrocampiste a fare da schermo alla difesa. Cambio tattico importante che porta maggior aggressività e una miglior copertura del reparto difensivo.

Ed è grazie ad un recupero sulla trequarti che al 16° ibera la stessa Cascarano dal limite destro dell’area di rigore, il cui tiro cross viene deviato dal colpo di testa di Mammoliti che spiazza così Pilato, che può solo raccogliere il pallone in fondo al sacco.

Il gol, galvanizza la Como 2000 che continua a pressare. Ed è grazie alla pressione che al 26° Badiali recupera un pallone sulla trequarti, si invola verso la porta rossonera ma si allunga la palla e in uscita Pilato riesce a respingere di piede. Il rilancio finisce sui piedi di Cascarano che scende sulla sinistra e crossa in area, dove per un soffio Mammoliti non riesce a correggere in rete.

Ancora il capitano azzurro protagonista al 31°, dove con un passaggio filtrante imbecca Badiali in area, la quale invece di calciare, prova un improbabile aggiramento del portiere che si ritrova così la palla tra le braccia.

Al 33° ancora Como: Catelli si invola verso il portiere, resiste alla carica di un avversaria, e scaraventa un potente destro che finisce addosso all’estremo difensore milanista. Sul successivo angolo Cascarano prova in acrobazia, ma la palla finisce lontano dalla porta di Pilato.

Al 35° gol annullato giustamente a Mammoliti per una trattenuta in area sul difensore del Milan, prima di concludere a rete.

Episodio dubbio al 37°, con Mammoliti che a ridosso dell’area piccola subisce un intervento dubbio da parte di due difensori rossoneri, che entrano con irruenza sulla giocatrice azzurra, ma per l’arbitro è tutto regolare.

Il primo tempo è tutto di marca azzurra, mentre quello del Milan si limita a una punizione dal limite al 45° di finita alta di parecchio sulla traversa.

Finisce così 1-0 con il Como che meriterebbe di avere un vantaggio più largo, ma un po’ per alcune recriminazioni arbitrali e un po’ per la scarsa precisione sotto porta, va al riposo con un risultato minimo che da poca serenità in vista del secondo tempo.

La ripresa inizia con una Como 2000 un po’ distratta che concede troppo campo ad una squadra rossonera che prova una reazione concreta.

Ed è proprio su un errore della difesa azzurra al 9° che libera Di Luzio sola davanti al portiere, la cui conclusione finisce alle spalle di Pini, rimettendo in equilibrio la contesa.

La partita dopo il gol si sgonfia, le due squadre danno il via a una fase centrale di secondo tempo combattuta ma avara di occasioni. Infatti bisognerà aspettare il 26° per avere un’azione degna di nota con Di Luzio che trova Vai sola al centro dell’area, il cui tiro viene neutralizzato da Pini. Portiere azzurro che salva il risultato anche al 36° sventando un’azione pericolosa della squadra rossonera.

La gara si decide al 39° quando Cappelletti atterra in area Longoni, l’arbitro fischia rigore. Carabetta si presenta dagli 11 metri e gela Pini e tutta la Como 2000.

La squadra di mister Gerosa prova una reazione veemente ma senza frutti.

E neanche i 3 minuti di recupero cambiano la situazione. Finisce 2-1 per le Milan Ladies.

La Como 2000 esce con il rammarico di aver perso una partita che l’ha vista dominatrice per tutto il primo tempo, senza però mai chiuderla.

PRIMAVERA: CINQUE GOL AL “MARIO BETTINZOLI” E TESTA ALL’INTER.

Fcf Como 2000 – Psg Mario Bettinzoli   5:0

Serata di relativa tranquillità quella di ieri al centro sportivo Lambrone di Erba per i tecnici Stefano Cincotta e Caterina Magatti.

Come consuetudine la Como 2000 schiera una formazione estremamente giovane con ben 7 ragazze del 2002, due classe 2000, una 2001 e una 2003, Anbeta Gilardoni, in campo dal 1° minuto.

Formazioni:

Fcf Como 2000: Casartelli, Franchetto (Castelletti dal 49°) , Pozzoli, Spagna, Scarpelli S., Scarpelli M., Ienna (Ostini dal 57°), Boldini (Di Iorio dal 64°), Gilardoni, Valli, Roventi (Bruno dal 69°). A disp. Colombo, Giuriani. Allenatori, mr. Stefano Cincotta e Caterina Magatti.

Psg Mario Bettinzoli asd: Boboc (Pagliotti dal 46°), Maranta, Amemassovo (Lusardi dal 70°), Colombo, Lazzano, Corti, Sirelli, Vecchi, Dulcamara (Rossini dal 72°), Zanoletti (Caramella dal 51°), Moraschi. A disp. Zamarra. Allenatore mister Scalvini.

Marcatrici:  Spagna  al 10°, Pozzoli  al 35°, Ienna al 37°, Boldini al 40°, Bruno al 90°.

Per lunghissimi tratti della partita la Como 2000 si insedia nella metà campo del “Bettinzoli” ma fatica più del previsto a piegare la resistenza delle bresciane. Bisogna aspettare fino al 10’ del primo tempo per vedere il pallone in fondo alla rete.  A centro campo Arianna Spagna ruba palla a un centrocampista avversario in uscita, si libera della marcatura e di sinistro dalla distanza sorprende il portiere che non riesce ad opporsi.

Il “Bettinzoli” non reagisce e mantiene un atteggiamento difensivo che regge fino al 35’ quando in appena in cinque minuti la Como 2000 realizza ben tre reti.  Prima Giulia Pozzoli, rientrante da un lungo infortunio, si lancia sulla fascia sinistra e da posizione molto defilata lascia partire un tiro che spiove alle spalle del portiere avversario. Al 38° per il 3 a 0 Alessia Ienna calcia una perfetta punizione dal limite e due minuti dopo con una serpentina Valentina Boldini si incunea in area di rigore e dopo un primo rimpallo di sinistro  marca la quarta rete per le lariane.

La partita non cambia per tutto il secondo tempo, con le punte lariane che cercano di sfondare e la retroguardia del “Bettinzoli” che prova a ribattere. La rete del 5 a 0 arriva quasi allo scadere del secondo tempo con Marianna Bruno che dopo alcuni tentativi andati a vuoto riesce a chiudere in rete un bel diagonale di destro.

A fine partita nessun commento del mister Stefano Cincotta che pensa già alla prossima difficile  trasferta sul campo dell’Inter Femminile.

Erba, 18/11/2017

 

GIOVANISSIME: BRESCIA CORSARA A FINO….

Domenica 12.11.17 ore 10.30

CAMPIONATO GIOVANISSIME REGIONALE

FCF COMO 2000 vs BRESCIA  — 0 a 1—–

Fcf Como 2000 – Annoni, Meroni, Girò, Micieli, Galli, Bianchi, Colonna, Occhiuto, Fomasi, Gilardoni e Shcherbaniuk

a disposizione – Gatti, Sironi, Sabbadin , Vailati e Mboup

Allenatore – sig.Mascherpa Carlo

Brescia Femminile – Zanaglio, Marcandelli, Renzotti, Zonca, Canobbio, Leali, Tengattini, Piatti, Romano, Galdinie e Licari

a disposizione – Bibe, Ragnoli, Faustini, Pasotti e Compagnoni.

Allenatore sig Zafferri Simone

Tutti i cambi effettuati regolarmente.

Una bella partita al Centro Ausonia a fino in una mattinata uggiosa.

Le rondinelle partono con grande veemenza ma la nostra retroguardia e’ sempre molto attenta.

Solo un tiro da fuori area porta in vantaggio le bresciane.Annoni resta leggermente infortunata nell occasione.

Capitan Meroni guida le compagne che reagiscono bene al vantaggio ospite e la nostra formazione si affaccia spesso nell area avversaria.

Anche la seconda frazione di gioco e’ molto appassionante e su entrambe i fronti si creano occasioni ma le nostre ragazze non arrivano al meritato pareggio.

Domenica alle 17.15 prossimo appuntamento in casa Dreamers.

Forza ragazze e mister, siete un gruppo fantastico.

Silvano Cozza