Monthly Archives: gennaio 2018

E SON QUATTRO DI FILA, LA COMO 2000 NON SI FERMA PIU’

Erba, 28 gennaio 2017

FCF COMO 2000 – ORISTANO 3-1

Marcatrici: 18° p.t. Mammoliti (Co), 31° e 33° s.t. Catelli (Co), 42° s.t. Monella (Or)

FCF COMO 2000: Pini, Nascamani, Maschio (42° Confalonieri), Stefanazzi, Cascarano, Viganò (35° Roventi), Morosi (40° Scarpelli) , Badiali, Crapanzano (23° s.t. Catelli), Mammoliti, Galletti.

A DISP. Colombo, Sessa, Confalonieri, Talarico.

All. Gerosa

ORISTANO: Bettineschi, Zucca (27° p.t.Meloni), Longobardo, Tola, Mattana, Esposito, Minella, Basile, Saba (16°s.t. Abbate), Scairato, Podda.

A DISP. Patta.

All. Poddi

Arb. Gauzolino da Torino

Dopo tre vittorie consecutive, la Como 2000 è chiamata a confermarsi. E quale migliore occasione se non quella con l’Atletico Oristano penultimo in classifica e a secco di risultati lontano dalla terra amica.

Mister Gerosa conferma la formazione delle ultime due trasferte vittoriose, un 5-3-2 con Galletti e Stefanazzi pronte a salire e trasformare in un più propositivo 3-5-2 al momento del possesso palla.

Partita che stenta a decollare ma combattuta, con le azzurre che fanno la partita e le sarde che provano a difendersi con ordine.

Al 5° primo squillo comasco, cross dalla sinistra di Stefanazzi, la palla arriva a Galletti che prima si fa ribattere il tiro dal difensore in scivolata e poi, prova a rimetterla al centro, senza che nessuno sia pronto a raccogliere l’invito.

Al 10° gli ospiti provano timidamanete a farsi vedere dalle parti di Pini, ma la punizione di Esposito si spegne di poco a lato.

La partita si porta avanti stancamente, ma al 18° un lancio di Badiali deviato, raggiunge Mammo

liti che scarta con un sontuoso sombrero il suo diretto avversario e trafigge il portiere ospite per il vantaggio comasco.

Il gol non da una scossa alla partita che continua ad essere avare di occasioni, e la sola di questa fase centrale avviene al 24° sugli sviluppi di un calcio d angolo, dove Mammoliti, lasciata sola al centro dell’area, non riesce ad impattare perfettamente, tanto che il suo colpo di testa si spegne goffamente sul fondo.

La partita si accende improvvisamnete al 40°, Galletti sola sulla destra fa partire un tiro cross che si spegne sul fondo.

Non passa nen

 

ache un minuto e Crapanzano lanciata sulla sinistra rientra e fa partire un destro che il portiere para a terra in due tempi.

Ancora una scatenata Galletti al 42° crossa dalla destra, Mammoliti viene anticipata di un soffio dal difensore ma la palla arriva sui piedi di Morosi che cicca la conclusione a pochi passi dalla porta.

C’è ancora spazioper un ultimo sussulto in questo primo tempo: 44° ancora un cross dalla destra di galletti, svarione difensiv

o della squadra sarda, ma ancora una volta Crapanzano sola, si fa ipnotizzare dal portiere avversario.

Si chiude così un primo tempo con la Como 2000, che nonostante il vantaggio, chiude con il rammarico di non aver sfruttato maggiormente la supremazia territoriale e le occasioni create.

 

La ripresa rinizia sulla falsariga del primo tempo, con un

a Como 2000 che spinge per cercare di chiudere l’incontro e una squadra sarda che continua a cercare di difendersi.

Dopo 53 secondi, già un’emozione, Crapanzano si libera dal limite e chiama Bettineschi alla parata alta.

Al 5° altro inserimento di Galletti che vince un rimpallo e scarica un potente destro che finisce sopra la traversa ospite.

Le azzurre spingono: 10° minuto, cross di Galletti deviato, la palla arriva a Crapanzano che tira addosso al portiere da ottima posizione.

Continuano a creare le ragazze comasche, senza mai trovare il guizzo per il raddoppio.

Altra calamorosa occasione al 28°: il lancio lungo di Morosi trova l’appena subentrata Catelli, sola davanti al portiere, l’azzurra lo salta ma si allunga di quel tanto che non le permette di concludere a rete e l’azione sfuma con il ritorno della difesa avversaria.

Al 29° Stefanazzi viene liberata al tiro sulla sinistra ma spreca alzando troppo la conclusione che finisce sopra la traversa.

Dopo tanto creare, la formazione lariana trova il meritato raddoppio: Al 31° Mammoliti viene lanciata in contropiede, il suo tiro viene deviato da Bettineschi, ma la palla finisce sui piedi di Catelli che a pochi passi non sbaglia.

Neanche il tempo di festeggiare, che il Como si porta sul 3-0 al 33°: Cascarano si libera sulla fascia, il suo cross trova sola ancora Catelli, che trafigge ancora Bettineschi, per la doppietta personale che porta sul 3-0 la contesa.

La Como 2000 non si ferma, e sulle ali dell’entusiasmo continua a spingere.

Al 36° ancora una scatenata Galletti va al cross, pesca Mammoliti che anticipa in acrobazia il suo diretto avversario ma la palla si spegne sul fondo.

Al minuti 38 ancora Catelli imbucata da Badiali si trova sola davanti al portiere, ma il suo tiro a colpo sicuro trova Bettineschi sulla trettoria, sulla prosecuzione dell’azione Galletti prova la conclusione da posizione defilata chiamando ancora il portiere sardo alla grande parata.

Al 42° alla primavera occasione, l’Oristano trova il gol della bandiera con un tiro dal limite di Minella che si infila nell’angolino.

Da li in poi il Como controlla la partita. Ultimo sussulto al 47° con Roventi liberata in area dalla solita Galletti che strozzando troppo il tiro non trova la porta.

Finisce così con la quarta vittoria consecutiva, il bel gioco e la consapevolezza che la crescita è continua

.

PRIMAVERA:  FINALMENTE!!!!

Real Meda vs  Como 2000  1:2;

Formazioni:

Real Meda: Colombo M., Capelletti, Gastaldo, Terraneo (Pirani dal 58°), Bettale, Fiore, Marelli, Deias (Uboldi dall’86°), Lafiosca, Celmeta, Fatiga. A disp. Colombo C., Anastasio. Allenatore: mister Mattia Marelli.

FCF Como2000: Colombo, Franchetto, Spagna (Ienna dal 70°), Cappelletti, Occhiuto, Scarpelli S., Bruno, Valli (Giuriani dal 55°), Di Iorio (Giannì dal 88°), Ostini, Boldini (Soave dal 59°). A disp. Casartelli, Castelletti, Allenatori: mister Stefano Cincotta e Caterina Magatti.

Marcatrici: Fatiga (R), Bruno (C ), Soave (C);

Ammoniti:  Deias, Celmeta, Lafiosca e Capelletti del Real Meda.

La primavera della Como 2000 vince 1-2 contro il Real Meda, secondo in classifica.

Prima della cronaca e dei dovuti complimenti è doveroso però auspicarsi che questo sia per le giovani lariane unicamente un punto di partenza e un punto di arrivo.

La Como 2000 vince in rimonta sul difficilissimo campo del Real Meda, secondo in classifica ad una lunghezza dall’Inter capolista e con ben 20 punti sopra le lariane. Real Meda che fino ad ora in casa aveva vinto tutte le partite tranne che con Brescia ed Inter.

Divario di classifica che si è visto solo a tratti e perlopiù nei minuti iniziali.

Le giovani comasche approcciano male la partita sorpresi dell’aggressività delle padrone di casa che si portano subito in vantaggio, già al 2′ minuto su un retropassaggio sbagliato del centrocampo per la difesa sul quale si avventa  Fatiga che insacca anticipando l’uscita di Colombo.

A parte qualche spunto in fascia destra tra Franchetto e Bruno (migliore in campo con Di Iorio) sono le padrone di casa a farla da padrone nel primo quarto d’ora. Più volte la difesa Comasca viene presa alle spalle sui tagli o permette agli attaccanti del Real Meda di impensierire Colombo.

Con l’andare della partita i molti lanci del Real Meda fanno allungare entrambe le compagini e la Como 2000 riesce a trovare spazi per fare gioco. Le coppie di fascia Spagna-Boldini a sinistra e Bruno Franchetto a destra riescono più volte ad arrivare a ridosso dell’area con l’ausilio di Di Iorio, ed è proprio su una combinazione a sinistra che Bruno su un cross rasoterra riesce ad anticipare portiere e difensore avversari e insaccare per l’1 pari. Il primo tempo si chiude senza ulteriori  emozioni.

Nel secondo tempo la Como 2000 ha un atteggiamento più attendista, ma al contempo una maggiore sicurezza nel voler costruire e più volte si sviluppano azioni da destra a sinistra e viceversa. Intorno al 50′ nella Como 2000 Giuriani subentra a Valli (a cui vanno i complementi per essersi fatta trovare pronta nella sua prima partita da titolare contro una squadra tra le prime in classifica), poi Boldini lascia il capo per Soave che ritorna in campo dopo 7 mesi dalla rottura del crociato. E’ il colpo che cambia la partita perché intorno al 60′ è proprio Soave servita sulla trequarti a sinistra che dopo un bel dribbling al limite insacca l’1-2 che porta in vantaggio le giovani Lariane.

La partita inizia a prendere una piega ben precisa, il Real Meda reagisce e  forte sulle seconde palle si riversa nella metà campo comasca con grande foga affidandosi molto al dribbling e alle sincronie del tridente offensivo, ma la Como fino al 75′ è abile a rimanere compatta fra le linee e a ripartire con intelligenza riuscendo ancora due tre volte a raggiungere l’area avversaria.

Con l’andare dei minuti le giovani lariane abbassano ulteriormente il proprio baricentro, e la difesa, forte del supporto dell’umiltà delle punte pronte a tornare fino a ridosso dell’area, è però costretta a concedere due pericolose punizioni dal limite su una delle quali il Real Meda prende un clamoroso palo che sembra rendere un po’ di giustizia per la Como 2000 per tutta la sfortuna avuta finora. Le lariane si compattano dietro ed a parte nella necessità, cercano comunque di ripartire giocando. La partita si conclude così, con una grande festa in spogliatoio che le nostre ragazze si sarebbero meritare molte altre volte.

Stefano Cincotta e Caterina Magatti ovviamente molto contenti a fine partita hanno però fatto capire subito le intenzioni di una nuova determinata Como 2000: “Real Meda, Riozzese, Milan Ladies … festeggeremo fino alle 18,29  di lunedì, poi, Riozzese. (ndr. alle 18,30 inizia la prima seduta d’allenamento settimanale)”

 

Troverete tutte le foto della partita nella sezione “MEDIA” del sito.  

Prossimo impegno casalingo contro la “Riozzese”,  sabato 3 febbraio al centro sportivo Snef Lambrone di Erba.

Meda, 27/01/2018.

s.c

SERIE B: A RIOZZO LA TERZA VITTORIA CONSECUTIVA..

Cerro al lambro  21.1.18 ORE 14.30

RIOZZESE vs FCF COMO 2000   === 0 -1====

Riozzese – Carbotti ,Gobbi ,Di Giulio ,Tugnoli ,Straniero ,Mauri ,Postiglione ,Ubbiali ,Oleotti ,Troiano ed Edoci.

a disposizione – Vignati, Grumelli entrata per Postiglione al 12 st, Recagno ,Gianni entrata al 30 st per Oleotti, Cuneo, Recagno, Napolitano entrata al 37 st per Gobbi, Roncucci entrata al 45 st per Mauri.

FCF COMO 2000 – Pini, Nascamani, Maschio, Galletti, Stefanazzi, Vigano’, Cascarano, Morosi, Brazzarola, Badiali e Mammoliti.

A disosizione – Colombo, Confalonieri, Roventi entrata al 24 st per Galletti, Talarico entrata al 40st per Mammoliti, Crapanzano entrata al 29 st per Brazzarola, Scarpelli M., Sessa entrata al 18 st per Badiali.

allenatore-signor Gerosa Giuseppe

Direttore di gara-signor Grassi Stefano da Forli’

Continua la striscia positiva per le nostre ragazze che incasellano tre vittorie,due in trasferta,negli ultimi tre turni.

Le squadre si studiano per i primi minuti poi l’asse del gioco e ‘ in mano bianco azzurra. Al primo quarto d’ora il vantaggio: Badiali riceve palla e da fuori area con uno spiovente perfetto supera il portiere nerorosa.

Brazzarola, dieci minuti dopo,ruba palla alla mediana e s’invola tutta sola verso l area locale ma il suo pallonetto supera di poco la traversa.

Edoci sveglia le locali ed al 35′ si rende pericolosa con un gran tiro che il nostro portire Pini sventa con un grande intervento.

Allo scadere e’ ancora Brazzarola ad avere la palla per il raddoppio che sola davanti al portiere non riesce a trasformare grazie alla parata d’istinto di Carbotti.

Si rientra in campo con la voglia di assicurarsi il risultato ed al 10′ su cross di Brazzarola in area vede Mammoliti irrompere con veemenza ma la conclusione e’ di poco fuori dallo specchio della porta.

Una carambola di sostituzione , ben otto nel corso della ripresa, non porta una grande reazione nella squadra locale che ha visto ancora Pini al 27′ ben contrastare una conclusione di Edoci.

La nostra retroguardia e’ sempre attenta fino al triplice fischio dopo tre minuti  di recupero e per tutti, STAFF ATLETE e SOCIETA‘ la gioia e ‘ incontenibile.

Da martedi’ si torna al lavoro in attesa del turno casalingo di domenica 28.1.18 alle ore 13 contro l’Oristano

FORZA RAGAZZE …il duro lavoro porta sempre le soddisfazioni .

Silvano Cozza

 

PRIMAVERA IN DOPPIA CIFRA

Como 2000 – Fulgor Canonica d’Adda  11:0 ;

Formazioni:

FCF Como2000: Casartelli, Castelletti, Franchetto, Cappelletti, Pozzoli, Occhiuto, Bruno, Valli, Di Iorio,  Ostini, Boldini. A disp. Colombo, Giuriani,Soave,Meroni, Spagna, Scarpelli S., Giannì.  Allenatore: mister Stefano Cincotta.

Fulgor Canonica d’Adda :   Vitali, Bonomi, Cavagnoli, Redaelli, Carlessi, Colombo, Abdel Aziz, Agazzi, Ganzarolli, Fumagalli, Palumbo. A disp. Barachetti, Stifanelli. Allenatore: mister Ripamonti.

Arbitro: sig. Condorelli di Saronno

Marcatrici:  Bruno (tre reti), Di Iorio (tre reti), Ostini (due reti),  Boldini, Franchetto e Meroni.

Ospite della Como 2000 ieri al Lambrone di Erba la Fulgor Canonica d’Adda per la seconda giornata del girone di ritorno. La partita rimane in equilibrio, almeno sotto il profilo del risultato, fino al 14’ del p.t. quando Boldini da il via alle marcature che concluderanno la partita con il risultato di 11 a 0. L’entità del risultato finale non lascia troppo spazio a commenti. Mister Cincotta ne approfitta per dare spazio alle calciatrici finora meno utilizzate, che evidentemente si sono fatte trovare pronte. Ottima la prestazione di Arianna Castelletti,(nella foto insieme a Sara Meroni e Lucrezia Colombo), sicuramente la migliore in campo, che ha mostrato una grande determinazione lottando fino all’ultimo su ogni pallone come se il risultato fosse ancora in bilico. Continua  nel frattempo la valorizzazione della linea giovane della Como 2000 con l’esordio di Sara Meroni, classe 2003, autrice dell’ultima rete dell’incontro.

Al termine dell’incontro mister Cincotta mostra una discreta soddisfazione ma pensa già alla prossima partita che sabato 27 vedrà impegnate le proprie ragazze nella trasferta di Meda contro la primavera del Real Meda.

Erba, 20/01/2018.

PRIMAVERA: SCONFITTA IMMERITATA

FiammaMonza vs  Como 2000  2:0;

Formazioni:

Fiamma Monza:   Zanchi, Raducu (Valente dal 46°), Dattero, Citterio, Rovelli, Dadati (Roversi dal 61°), Castro, Salvo, Di Bella (Boccuzzi dal 87°), Baratti (Carlucci dal 67°), Colombo (Gritti dal 89°). A disp. Caporiondo,  Pignata. Allenatore: mister Emanuele Stroppa.

FCF Como2000: Colombo, Franchetto, Spagna (Cappelletti dal 84°), Scarpelli M., Pozzoli, Confalonieri, Roventi, Occhiuto (Valli dall’86°),  Bruno, Ostini, Boldini. A disp. Casartelli, Castelletti, Zerlottin, Scarpelli S..  Allenatori: mister Stefano Cincotta e Caterina Magatti.

Arbitro: sig. Longoni di Seregno

Marcatrici: Di Bella (F),  Dattero (F)

Ammoniti: Novelli (F);

“Anno nuovo vita nuova”, di solito è questo che ci si augura quando si inizia un anno nuovo o la seconda metà di stagione in termini sportivi. Si rivalutano obiettivi e ambizioni e si cerca di rimediare agli errori commessi nella prima parte. E’ quello che ha fatto la primavera della Como 2000 che sul sintetico del Sada ha disputato forse la più bella partita della stagione, perdendo, immeritatamente contro una Fiammamonza rimaneggiata, ma comunque temibilissimo avversario.

La primavera della Como 2000 ha saputo farsi valere da tutte le accuse che gli eran state mosse:

Siete un squadra inesperta”: la primavera ha saputo essere paziente, organizzata, colpire quando c’era da andare in contropiede e gestire il possesso quando era necessario attrarre il pressing avversario;

“Siete una squadra che subisce troppi goal in contropiede”: la Como 2000 ha concesso 4 tiri in tutto, uno su errore individuale, uno su una seconda palla vagante dal limite, una da 30 mt, subendo goal e una di testa su cross da punizione, viziato forse da un leggerissimo fuorigioco;

“Siete una squadra che non ha carattere, non approcciate mai bene la partita”: Beh in questa partita si sono viste le attaccanti entrare in scivolata sulla trequarti avversaria pur di recuperare il pallone, gli esterni che 30 secondi dopo essere andati al cross tornavano a marcare nella propria area. E in mezzo a tutto questo, un palo, Bruno fermata 3 volte da un estremo intervento dei difensori quando poco le sarebbe bastata per segnare, cross non sfruttati per pochi centimetri e sicuramente tanta, tanta amarezza.

In avvio la partita ha dei ritmi abbastanza blandi le padrone di casa non riescono a far passare il pallone oltre le strette linee delle lariane, le quali costringono la difesa del Fiammamonza ad un lento e prolungato fraseggio, ove alla minimo errore il centrocampo comasco è pronto a recuperare il possesso e ripartite tentando veloci contropiedi ben gestiti tuttavia dalla difesa avversaria. Un grosso errore di Scarpelli Monica in costruzione rischia di far prendere una doccia fredda in avvio alle lariane, ma Colombo è ben attenta a neutralizzare il tiro dal limite.

Oltre a questo e a qualche calcio d’angolo il primo tempo non presenta grandi occasioni.

Nel secondo tempo la Como 2000 è decisamente più intensa, cattiva e lucida nelle ripartenze. Il pressing diventa più aggressivo e ciò porta ad un recupero più repentino della sfera. Tra il 45′ e il 75′ inizia un vero e proprio forcing delle lariane.

Più volte Bruno è abile ad attaccare la profondità e solo l’attenta uscita del portiere o un recupero all’ultimo dei difensori riescono a fermarla. Oltre a lei Franchetto e Ostini si rendono pericolose, ma l’occasione più clamorosa arriva al 60′ c.a, quando Roventi si avventa su una palla in area e di prima tira un bolide rasoterra sul lato di porta più lontano. Portiere battuto, ma la palla colpisce il palo. La Fiamma reagisce con due punizioni dalla distanza che non creano troppi grattacapi alla retroguardia comasca, ma proprio nel momento in cui la partita sembrava aver preso una piega ben precisa, con un tiro da 30 mt Diana Di Bella scavalca il portiere comasco Lucrezia Colombo e regala il vantaggio alle padrone di casa.

Il colpo fa malissimo ma la reazione arriva immediatamente dopo con una bella combinazione in fascia tra Roventi e Franchetto, che porta Boldini a sfiorare un goal capolavoro al volo in spaccata. Ma la sfortuna, si sa, non vien mai da sola e all’85’ il secondo colpo che annienta la Como 2000. Su una punizione dalla trequarti Dattero insacca di testa fra le proteste di una difesa fin li quasi perfetta, ma nell’occasione troppo lenta a scappare.

Belle le parole di Mr. Stroppa (allenatore Fiammamonza) al termine della gara: “Oggi teniamo di buono il risultato a dispetto del bel gioco. Tuttavia non mi sento di criticare le mie ragazze che, in una situazione di difficoltà, hanno saputo stringere i denti e soffrire. Sapevo che sarebbe stata molto dura per noi, la Como di Mr. Cincotta e Magatti è una squadra con un’organizzazione di altissimo livello, infatti rinnovo i complimenti a tutte le ragazze e allo staff. A mio avviso faranno grandi cose in futuro. Il movimento femminile ha bisogno di queste squadre se vuole crescere.”

Il nostro tecnico Stefano Cincotta, con gli occhi lucidi come alcune sue ragazze per il dispiacere del risultato, ma visibilmente soddisfatto per la prestazione ha commentato con poche parole: “non potevo chiedere di più, è una Como 2000 con una mentalità nuova, andiamo avanti più fiduciose dopo questa bellissima prestazione”.

Prossimo impegno casalingo contro la “Fulgor Canonica D’Adda”,  sabato 20 gennaio al centro sportivo Snef Lambrone di Erba.

 

Monza, 13/01/2018.

 

s.c.