INTERVISTA A SILVANO COZZA

Il Como calcio Femminile è da 6 anni protagonista a livello nazionale, con risultati di spessore, impreziositi in questa stagione con un campionato di vertice che sta rendendo dura la vira alla corazzata Veneta Valpolicella, costruita appositamente per cercare la promozione. Con un mister di livello ed un mercato di giocatrici tenaci ma non particolarmente note, il club Lariano è rinato pronto anche a riaffacciarsi alla massima categoria.Abbiamo chiesto al Direttore Silvano Cozza, il manager capace di centrare le ultime salvezze consecutive, e di aver strappato Mister Cincotta dalla altre piazze, di aver rifondato una squadra che andava progettata quasi da 0 dopo la retrocessone, quale sarà il Como del futuro. Il Direttore sembra già avere le idee chiare, ed il club, seguito dai suoi sponsor, sembra avere una rotta chiara e propositiva: fare calcio ad ottimi livelli, garantendo continuità alle atlete meritevoli.

Attualmente il Presidente Taroni vanta squadre in classifica alta per ogni sua formazione, segno che la rotta è fortemente giusta, poiché se tutte le squadra vanno bene, è perché la programmazione è di ottimo livello.

Parola al direttore del sodalizio, Cozza:
Gentile Direttore, il budget è sempre alla base di una programmazione societaria, quali partnership ha creato per lo sviluppo a livello nazionale del Como Femminile?
Buona giornata a tutti. Ringrazio la Vostra redazione per avermi chiesto questa intervista,a cui non sono solito prestarmi, comiciando con una descrizione veloce della nostra Società.
Il signor Armando Taroni e’ il nuovo presidente da due stagioni. Brumana Martino storico vice presidente,papa di Paola campionessa nelle file lariane ( ora al Tavagnacco ndr).
Il direttivo e’ composto da varie figure storiche e dai nuovi consiglieri Signori Baldo Davide e Soave Carlo.
Svariate figure aiutano in varie mansioni per lo sviluppo societario.
Colgo l’occasione per ringraziarLi vivamente.
L’attenzione al budget e’fondamentale per permettere di onorare gli impegni assunti verso il Dipartimento,le calciatrici vero capitale della societa’, lo staff, e la gestione dei campi sportivi dove lavoriamo.
Due grandi realta’economiche ci sostengono in questo cammino:la BLM GROUP di Cantu’ ed Ecologia ed AMBIENTE di Como.Un rigraziamento e’doveroso anche alla Dream Team di taverne rio ed ai soci sostenitori che aiutano in modo meno visisibile ma molto concreto.

State disputando una stagione di altissimo livello nonostante la partenza di atlete fenomenali, come avete sopperito agli addi di: Cama, Erba, Bertoni, Sampietro, Gaburro, Cortesi e Cannone?
Vorrei precisare che abbiamo dovuto rinunciare a qualcuna delle atlete citate in quanto hanno intrapreso attivita’ lavorative, altre hanno preferito andare altrove.
E’ una buona stagione sportiva,ben curata e guidata da mister Antonio Cincotta con grande professionalita’ e serieta’.
Capitan Fusetti,giocatrice di livello nazionale e tutte le compagne stanno dimostrando con il duro lavoro di essere una squadra ben coesa e di grande carattere.
Un mister che insegna un bel calcio e’ risultato determinante per i risultati.

Nonostante il campionato di vertice, l’ unica convocata in nazionale è Vanessa Panzeri, possiamo dire che la Vostra rosa non ha dei singoli che fanno la differenza, ma un gruppo coeso che va oltre i singoli?
La nostra rosa racchiude atlete gia’ esperte della massima categoria,altre che hanno sempre militato nell’attuale ed infine altre provenienti da categorie inferiori.
Anche dal settore giovanile ci sono conferme e la rosa e di varia natura ma decisamente motivata.
Capitan Fusetti con le sue grandi doti ed esperienza insieme ad altre compagne esperte danno un impronta determinante al valore di tutta la compagine.
Ma per tutte il tecnico Antonio usa la parola “titolari” e le valuta col duro lavoro settimanale di partita in partita.
Il Club Italia ha scelto per l.unter !7 la classe 2000 Panzeri Vanessa che sta crescendo molto con l’approdo da noi.
L’under 23 si avvale di Martina Capelli arrivata da noi a gennaio dalla penisola iberica.
I visionatori delle Nazionali sono molto presenti visionando le nostre partite e sicuramente sapranno valutare volti nuovi di grande valore.

Tra 45 giorni arriverà il verdetto, che potrà sancire la risalita in Serie A, o la permanenza in B. Immaginava una stagione così brillante?
Tra dieci giorni riprendera la non stop di sei partite affrontando il Milan Ladies nelle mura amiche,ma fino il 22 maggio il cammino sara’ lungo e pieno di insidie.
Siamo partiti per essere comprimari al vertice,ma sicuramente Il Valpolicella con un mercato ricco aveva tutte le previsioni a favore per una promozione.
Pian piano,con la Nostra perseveranza abbiamo raggiunto la vetta con l’ausilio del buon calcio espresso e dal gran cuore delle nostre atlete. L’umilta’,ottima garante del nostro club,ci permettera’ di continuare con la solita serieta’ lavorando sodo.

Se dovesse essere Serie A, scaramanzie a parte, il club cerchèrà la salvezza o pensate di preparare un progetto stile “Mozzanica”?
Il futuro non e’ mai prevedibile e la progettazione e’ vitale per la societa’. Bisognera’ controllare attentamente il budget essenziale per condurre “con la diligenza del buon padre di famiglia”come si studia in diritto.
Avremo a disposizione un mese per le iscrizioni di meta’ luglio ai campionati e si valutera’ come garantire una dignitosa stagione sportiva.

Come procede il vostro rapporto con il calcio Maschile, la Como calcistica sembra quest’ anno più rosa che azzurra visti i risultati del Calcio Como…
L’apparentamento con la calcio Como 1907 si sta incanalando su binari marginali,dato l’impegno che hanno i cugini lariani in una salvezza che tutti a Como ci auguriamo.
Per ora la societa’ maschile sta ottemperando agli obblighi federali di annoverare 20 calciatrici under 12.
Continueremo il fraseggio per vedere di portare anche sulle sponde del lago il professionismo nel calcio femminile.

Il settore giovanile sembra essere tornato grande, e la Primavera di Mister Targa ne è la prova, pronti alle fasi finali?
Il settore giovanile deve essere basilare e fondamentale per lo sviluppo societario.
La formazione di buone calciatrici devono garantire il futuro delle prime squadre.
La juniores ha raggiunto le fasi finali regionale accedendo alle semifinali in programma il 24 aprile. Ricordo che la nostra regione annovera bel 22 squadre con otto società del nazionale e ben 14 del regionale..
Mister Targa e le ragazze si cimenteranno con il consueto e vitale appoggio societario sempre attento a far ben figurare.
Mister Prati Ilenia, nostra storica allenatrice,sta facendo bene nel campionato giovanissime regionali preparando le ragazze alla categoria agonistica.
Una squadra esordienti,guidata da mister Zappa Roberto, ben figura nel campionato provinciale contro i maschi.

La redazione di Calcio Femminile Italiano ringrazia il Direttore Silvano Cozza per averci concesso tale intervista e auguriamo al Calcio Como femminile i migliori successi per il proprio percorso sportivo.