PRIMAVERA: ANCORA UNA VOLTA È SOLO PRESTAZIONE;

Csr.D. Azalee – Fcf Como 2000   2:0

Sono parecchie le soluzioni ed i moduli di giuoco adottati da mr. Cincotta dall’inizio dell’anno, 4-3-1-2,  4-4-2,  4-3-3, tutti accomunati da tre fili conduttori: un discreto gioco, qualche disattenzione in difesa ed un grande numero di occasioni create ma fallite a tu per tu col portiere, o perfino a porta vuota. La partita contro le Azalee sul campo di Golasecca non sfugge alla regola e segue un copione già visto in molte altre gare. Un inizio da incubo con la difesa che dopo 10′ si fa infilare con un gran taglio di Serna, fredda nel concludere dal limite alle spalle di Colombo. La Como 2000 reagisce con qualche palla in profondità per Bruno e Roventi, la quale dopo un bel taglio calcia alto dal limite. Su un rilancio della difesa delle padrone di casa un pasticcio difensivo fra Scarpelli M. e Colombo permette a Serna di insaccare per il 2-0. La reazione è buona, il pressing è intenso e la difesa sembra riassestarsi, così le lariane cercano di macinare più gioco. La prima occasione arriva da una punizione dal limite con Spagna che tira debole. Sempre Spagna, qualche minuto dopo,  sugli sviluppi di un calcio d’angolo appostata al limite calcia alto.

Le Azalee sono abili a sfruttare la superiorità numerica in fascia, e sviluppano buoni contropiedi che mettono in difficoltà la difesa lariana, ma Colombo è impegnata solo dalla distanza o su qualche uscita per le palle servite in profondità a favore delle due punte, molto abili a creare spazi e allungare la difesa.

La grande occasione per riaprire arriva al 20′ con un incursione in fascia di Roventi che crossa di mancino sul secondo palo, ma Di Iorio, con portiere battuto calcia clamorosamente a lato. Il gioco diventa molto frazionato per i ripetuti falli e le rimesse laterali. Entrambe le squadre provano qualche conclusione dalla distanza; per la Como 2000 prima tenta Scarpelli S., sempre dagli sviluppi di un calcio d’angolo, e poi Bruno che da lato calcia debole.  Il primo tempo si chiude con le padroni di casa in vantaggio per 2 reti a 0.

Nel secondo tempo le lariane sembrano tornare in campo con il giusto piglio per riequilibrare la gara. Anche il secondo tempo però subisce continue interruzioni, ma la prestazione del centrocampo e soprattutto dell’attacco della Como 2000 aumenta in  aggressività ed intensità, mostrando il potenziale valore. La prima occasione, forse la più grande della partita, arriva dopo 10 minuti; Bruno a grandi falcate si avventa su un retropassaggio lento per il portiere, lo salta, ma a porta vuota esita a battere a rete e con un tocco di troppo si fa rimontare dal difensore. L’intensità messa in campo dalle ragazze di mr. Cincotta impedisce alle Azalee di dare la stessa fluidità di gioco vista nel primo tempo, ma le centrocampiste riescono comunque a raccogliere le seconde palle delle punte costringendo Ostini Boldini e Spagna agli straordinari per rincorrerli ma, tranne qualche palla nello spazio, Colombo non corre grossi rischi.

La Como 2000 ha la seconda grande palla goal al 20′ con Franchetto che si sovrappone sulla sinistra e con un cross di mancino sul secondo palo serve Bruno, ancora una volta  il portiere sarebbe battuto, ma come Di Iorio nel primo tempo, calcia a lato ad un metro dalla porta.

Al 30′ Ienna, subentrata a Di Iorio, sfugge alla marcatura della diretta avversaria  e si trova libera in area di rigore ma Roventi non serve la compagna e  da posizione defilata preferisce calciare a rete concludendo a lato. Poco dopo l’azione si ripete, questa volta Roventi mette in area per Ienna che da sola sbaglia di testa concludendo a lato. Le lariane provano a tenere alta la pressione sulle avversarie.  Le  incursioni palla al piede di Boldini creano qualche grattacapo alla difesa delle Azalee e al 35′ procurano un prezioso calcio di punizione dal limite che Spagna calcia centrando la traversa. Le Azalee si fanno ancora pericolose in tre occasioni: la prima su un retropassaggio lento di Franchetto che costringe Colombo ad un uscita avventata, la seconda su punizione, terminata alta e la terza con un gran tiro dalla distanza  ancora di Serna che costringe Colombo agli straordinari. La Como 2000 continua il forcing: al 40′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo Boldini di tacco manda a lato; Valli, subentrata al 38′ per Bruno, serve due buone sponde a Roventi e Ienna che dalla distanza concludono a lato. La partita si chiude con l’ennesima sconfitta, giusta, contro un avversario sicuramente lucido e pragmatico nella gestione della partita e con il grande merito di aver approcciato meglio la gara, che deve far riflettere sulla quantità di punti persi dalle giovani comasche che in questa stagione raramente sono  andate in vantaggio (il che dice tanto sull’approccio mentale alle gare) e che hanno mostrato una capacità di realizzazione davvero esigua se rapportata al numero di occasioni create.

Molto duro e lapidario Mr. Cincotta al termine della gara: “Tutti dobbiamo prenderci il nostro carico di responsabilità, basta alibi , scusanti e giustificazioni.”

Il tabellino

Csr.D. Azalee: Bogni, De Carli, Berlato, Lombardo (Buccheri dall’86’), Meraviglia (Brandolese dal 60’), Solcis, Rinaldi, Simonotti, Serna, Magrin, Del Torchio. A disp. Ceriani, Buccheri, Malfer, Miruku, Caka, Brandolese. Allenatori mr. Zotti e Segalini.

Fcf Como 2000: Colombo, Scarpelli S., Franchetto, Spagna, Confalonieri, Scarpelli M., Bruno (Valli dal 83’), Boldini, Di Iorio (Ienna dal 65’), Ostini, Roventi. A disp. Casartelli, Castelletti, Giuriani. Allenatori mr. Stefano Cincotta e Caterina Magatti.

Arbitro: Sig. Castelli;

Marcatrici:  Serna (A) al 10’ e al 30’.

Ammoniti: Lombardo e Simonotti (A);

Prossimo impegno in casa al Lambrone di Erba  contro le bresciane del “Mario Bettinzoli Calcio a.s.d.”

Golasecca (VA) 11/11/2017

s.c.