SERIE B: Como 2000 a due facce, spreca e viene sconfitta

Erba, 26 Novembre 2017

FCF COMO 2000 – MILAN LADIES 1- 2

FCF COMO 2000: Pini, Nascamani, Cascarano, Sessa, Stefanazzi, (33° s.t. Cappelletti) Viganò , Catelli (41° s.t. Crapanzano), Morosi, Mammoliti, Badiali, Talarico (33° s.t. Brazzarola).

A DISP. Colombo, Lanzetti, Maschio, Beninati.

All. Gerosa

MILAN LADIES: Pilato, Wolleb, D’ugo, Rumetti, Pedrazzani, Longo, Merigo, Carabetta (22° s.t. Cataldo), Di Luzio, (44° s.t Fontana), Longoni (33° s.t. Cantoni), Vai.

A DISP. Locatelli,Ferraro, Spinelli, Barbuiani.

All. Minio

Arb. Manicardi da Modena

E’ una Como 2000 desiderosa di far bene quella che si appresta ad affrontare la Milan Ladies., dopo la deludente prestazione contro l’altra squadra meneghina del turno precedente.

E’ il vento a farla da padrone, causando molti cambi di traiettorie e una difficoltà ad impostare azioni, rendendo difficili anche i passaggi apparentemente facili.

La squadra di mister Gerosa si presenta con la novità Cascarano schierata sulla linea delle centrocampiste a fare da schermo alla difesa. Cambio tattico importante che porta maggior aggressività e una miglior copertura del reparto difensivo.

Ed è grazie ad un recupero sulla trequarti che al 16° ibera la stessa Cascarano dal limite destro dell’area di rigore, il cui tiro cross viene deviato dal colpo di testa di Mammoliti che spiazza così Pilato, che può solo raccogliere il pallone in fondo al sacco.

Il gol, galvanizza la Como 2000 che continua a pressare. Ed è grazie alla pressione che al 26° Badiali recupera un pallone sulla trequarti, si invola verso la porta rossonera ma si allunga la palla e in uscita Pilato riesce a respingere di piede. Il rilancio finisce sui piedi di Cascarano che scende sulla sinistra e crossa in area, dove per un soffio Mammoliti non riesce a correggere in rete.

Ancora il capitano azzurro protagonista al 31°, dove con un passaggio filtrante imbecca Badiali in area, la quale invece di calciare, prova un improbabile aggiramento del portiere che si ritrova così la palla tra le braccia.

Al 33° ancora Como: Catelli si invola verso il portiere, resiste alla carica di un avversaria, e scaraventa un potente destro che finisce addosso all’estremo difensore milanista. Sul successivo angolo Cascarano prova in acrobazia, ma la palla finisce lontano dalla porta di Pilato.

Al 35° gol annullato giustamente a Mammoliti per una trattenuta in area sul difensore del Milan, prima di concludere a rete.

Episodio dubbio al 37°, con Mammoliti che a ridosso dell’area piccola subisce un intervento dubbio da parte di due difensori rossoneri, che entrano con irruenza sulla giocatrice azzurra, ma per l’arbitro è tutto regolare.

Il primo tempo è tutto di marca azzurra, mentre quello del Milan si limita a una punizione dal limite al 45° di finita alta di parecchio sulla traversa.

Finisce così 1-0 con il Como che meriterebbe di avere un vantaggio più largo, ma un po’ per alcune recriminazioni arbitrali e un po’ per la scarsa precisione sotto porta, va al riposo con un risultato minimo che da poca serenità in vista del secondo tempo.

La ripresa inizia con una Como 2000 un po’ distratta che concede troppo campo ad una squadra rossonera che prova una reazione concreta.

Ed è proprio su un errore della difesa azzurra al 9° che libera Di Luzio sola davanti al portiere, la cui conclusione finisce alle spalle di Pini, rimettendo in equilibrio la contesa.

La partita dopo il gol si sgonfia, le due squadre danno il via a una fase centrale di secondo tempo combattuta ma avara di occasioni. Infatti bisognerà aspettare il 26° per avere un’azione degna di nota con Di Luzio che trova Vai sola al centro dell’area, il cui tiro viene neutralizzato da Pini. Portiere azzurro che salva il risultato anche al 36° sventando un’azione pericolosa della squadra rossonera.

La gara si decide al 39° quando Cappelletti atterra in area Longoni, l’arbitro fischia rigore. Carabetta si presenta dagli 11 metri e gela Pini e tutta la Como 2000.

La squadra di mister Gerosa prova una reazione veemente ma senza frutti.

E neanche i 3 minuti di recupero cambiano la situazione. Finisce 2-1 per le Milan Ladies.

La Como 2000 esce con il rammarico di aver perso una partita che l’ha vista dominatrice per tutto il primo tempo, senza però mai chiuderla.