GIOVANILI

GIOVANISSIME: CONTINUA IL BUON MOMENTO DELLE NOSTRE AZZURRINE

Continua il buon momento delle nostre azzurrine U15 che, pochi giorni dopo aver vinto a Vinovo, si aggiudicano anche il torneo di Cologno Monzese, battendo l’Inter in finale per 2-0.
Domenica 12 maggio 2019, le ragazze sono infatti scese in campo per il Torneo PRIMAVERA CALCISTICA G.MORI, nella giornata dedicata al calcio giovanile femminile. Invitate alla competizione per la categoria Giovanissime: MONZA, INTER, COMO2000, MEDA. Eliminatorie da disputarsi al mattino, finali al pomeriggio, partite da 2 tempi di 25 minuti.
Il primo incontro per le nostre, vede impegnata la compagine comasca contro le pari età del Meda.
In distinta tutte le calciatrici della precedente trasferta piemontese, senza Sironi indisponibile, con l’inserimento di Girò, al rientro dopo un lungo infortunio, e DePieri, all’esordio, per entrambe un’ottima prova.
Il primo tempo vede la Como2000 esprimere un buon calcio, con il vantaggio che arriva al 20’, quando Colonna decide di farsi perdonare il gol non realizzato in precedenza, quello che è più difficile sbagliare che segnare e, recuperando caparbiamente una palla ormai persa, dal fondo batte il portiere avversario.
All’inizio del secondo tempo, le nostre avversarie riescono a trovare il pareggio con una veloce azione di rimessa. Risultato di parità che dura però solo per qualche minuto, perché, nel giro di poco, diverse ottime trame corali lariane chiudono la partita, portando il risultato sul 4-1: doppietta di una formidabile Katia e ancora Colonna. Allo scadere una punizione dal limite permette al Meda di rendere meno pesante il passivo.

In semifinale, in precedenza, l’Inter aveva agevolmente battuto il Monza.
Nella finale pomeridiana per il primo e secondo posto, la rosa dell’Inter si presenta sulla carta più giovane di un anno rispetto alle nerazzurre Campioni d’Italia incontrate in Piemonte, ma sicuramente più agguerrita, visti i risultati vincenti, da loro ottenuti, contro le sorelle più grandi, nei derby di famiglia.
Quindi ancora Inter, noi non contente, loro preoccupate: “ …. ma voi siete quelle di Vinovo?”
Le nostre iniziano come al solito ordinate, concentrate nel cercare di mantenere sempre le posizioni e velocizzare le ripartenze. Da subito bella partita, con difese attente e grandi battaglie a centrocampo: DiPalma, Bianchi, Cimino, Sciascia, Colonna, Gaffuri, encomiabili nel giocare alla pari contro le forti avversarie milanesi.
Nei due tempi, i nostri portieroni, Annoni e Bargna, mai si faranno trovare impreparate e risulteranno sempre determinanti nel decidere come impostare correttamente l’azione dal fondo.
Ed è proprio da una di queste ripartenze che l’equilibrio viene spezzato: Arrigoni, che evidentemente quando vede nerazzurro si scatena, dopo aver sconfitto tre settimane fa l’Atalanta 2004 con una doppietta da fuori area, estrae dal cilindro un gran tiro a scendere, imparabile per il numero uno avversario.
Nel secondo tempo rabbiosa reazione Inter, che entra di prepotenza nella metacampo comasca: 20 minuti di sterile assalto; poi, a spegnere le ultime speranze del tifo avversario, ci pensa il bomber Shcherbaniuk che, con il suo caratteristico calcio circense, nel giro di pochi minuti, dapprima si divora un gol a porta vuota, poi spedisce un gran pallone a fil di palo avversario, fissando il risultato sul 2-0 per le campionesse azzurrine.
Fair Play a fine partita, con reciproche congratulazioni tra avversarie, e, …. con il nostro capitano Galli, ancora una volta pronta ad alzare il trofeo per le prime classificate.
Brave le nostre ragazze !!

COMO2000: Annoni, Arrigoni, Bargna, Bianchi, Cimino, Colonna, DePieri, DiPalma,
Gaffuri, Galli, Girò, Sciascia, Shcherbaniuk.

COMO2000- MEDA 4-2 (Colonna, Shcherbaniuk, Colonna, Shcherbaniuk)
COMO2000-INTER 2-0 (Arrigoni, Shcherbaniuk )

GIOVANISSIME: VITTORIA PRESTIGIOSA AL TORNEO DI VINOVO

Vinovo, 1 Maggio 2019

Mercoledi 1 maggio 2019, il campo sportivo di Vinovo ha ospitato la seconda edizione della Woman Football Cup U15, torneo riservato alle ragazze nate negli anni 2004 e 2005. Organizzazione bianconera, con le maglie della Juventus a gestire spogliatoi, segreteria, Bar.
Ai nastri di partenza le più forti compagini professioniste, unitamente a team di caratura regionale. 15 le squadre presenti, suddivise in tre gironi. Regolamento all’italiana: scontri  diretti in ogni girone, tre punti per la vittoria, 1 per il pareggio, accesso in semifinale alla prima classificata, più la miglior seconda. Teste di serie nei rispettivi gironi: Juve e Novara, Inter e Brescia, Genoa e Torino.
La giornata, iniziata con la sveglia alle 5 per le ragazze, si presentava particolarmente impegnativa, con almeno sei partite da disputarsi.
Per le azzurrine esordio peggiore non poteva esserci: subito in campo, dopo due ore e mezza di pullmann, contro le padrone di casa della Juventus. Iniziale tifo infernale per le bianconere, che ben presto si spegne perché, sorprendentemente, in campo a comandare il gioco sono le lariane. Netta supremazia territoriale per le nostre, ma la palla non vuole entrare, anche l’ultimo tiro, allo scadere, si spegne a lato del palo avversario: 0-0. Con molto rammarico, ma anche con l’accresciuta convinzione per le nostre ragazze di potersela giocare con tutte.
E infatti da qui inizia la cavalcata della COMO2000, che la porterà ad essere, a metà pomeriggio, prima classificata nel proprio girone: dopo la Juve, nelle successive tre partite, spettacolo lariano, con 11 gol fatti e zero subiti:
COMO2000-NOVARA 4-0; COMO2000-CIT TURIN 2-0, COMO2000-TABIAGO 5-0.
Fiato sospeso per conoscere il nome della nostra avversaria in semifinale: ancora Inter, che prevale sulla Juve come miglior seconda classificata. Dall’altra parte semifinale Torino-Brescia.
E il film COMO2000-INTER che va in scena è lo stesso che si è visto per tutta la stagione: due squadre eleganti, tecniche, che giocano per battersi a viso aperto.
Primo tempo senza storia, comasche inarrestabili, ma il portiere nerazzurro si supera in più occasioni, secondo tempo di marca Inter, ma Annoni inoperosa. Fischio di chiusura: 0-0, rigori; e si riaffaccia il ricordo della Meda Cup di settembre, con i rigori a favore dell’Inter a toglierci la soddisfazione della finale.
In un clima surreale, silenzio assoluto, con 15 squadre di ragazze con rispettivi dirigenti e allenatori intorno alla porta, capitan Galli è la prima ad andare sul dischetto. E qui le nostre metteranno in pratica alla perfezione quanto provato e riprovato in allenamento: con Federica, Francesca, Katia e Chiara, 4 rigori imparabili, rasoterra a pochi cm dal palo. Ma anche le nerazzurre non sbagliano un colpo. 4-4.
Quinto e ultimo rigore decisivo, Inter: palo, Cimino, con coraggio, non si lascia vincere dalla paura e con un gran destro sigla il gol che vale una finale.

In precedenza, nell’altra semifinale, il Brescia aveva regolato il Torino per 2-1.
Alle ore 21.00, con le ragazze ormai stanche, la finale COMO2000-BRESCIA vede così confrontarsi due squadre imbattute.
Ma anche quest’ultima difficile partita esalta la netta supremazia tecnico tattica della COMO2000, mai veramente impensierita dalla grande corsa delle forti giocatrici bresciane. E, più o meno nello stesso momento in cui Leo Messi, in Champions, illuminava il NouCamp con una magistrale punizione, la nostra numero 10, Colonna, a Vinovo non era da meno, e, con una parabola impossibile, toglieva, ancora una volta, la ragnatela dal sette bresciano: 1-0.
Boato sugli spalti e finale finita, perché a Vinovo, mercoledi, nessuno avrebbe potuto fare gol a quelle 12 campionesse azzurre: 6 partite, 0 gol subiti; Inter, Juve, Brescia, Novara, Tabiago, CittadiTorino, a secco.
Ragazze favolose, che hanno giocato tutto il torneo come una cosa sola, incarnando alla perfezione il loro motto: Unite, Cattive, Fortissime.
Una difesa monumentale, con Chiara, Elisa, Federica, Giada, Sofia, insuperabili; un centrocampo di qualità e quantità con Chiara, Elena, Elena e Francesca, capaci di eseguire giocate a velocità doppia rispetto alle avversarie, e i punteri, Alice, Gloria e Katia, che davanti hanno regalato in continuazione assist e gol.
Grande gioia per le nostre ragazze, per i genitori che le hanno seguite, per la nostra società COMO2000, che porta avanti, da sempre, con entusiasmo il settore
giovanile.

FORZA RAGAZZE!

COMO2000: Annoni, Arrigoni, Bargna, Bianchi, Cimino, Colonna, Di Palma, Gaffuri,
Galli, Sciascia, Shcherbaniuk, Sironi.

COMO2000- JUVE 0-0
COMO2000-NOVARA 4-0 (Sironi, Colonna, Sironi, Colonna)

COMO2000-CIT TURIN 2-0 (Galli, Colonna)
COMO2000-TABIAGO 5-0 (Sironi 4, Gaffuri)
COMO2000-INTER 5-4 dcr (Galli, Colonna, Katia, Bianchi, Cimino)
COMO2000-BRESCIA 1-0 (Colonna)

Complimenti a Mister Mascherpa, allo staff ed a tutte le atlete !

UN FIORE PER LE NOSTRE GIOVANISSIME

Non è bastato!
La scorsa stagione la Como2000, con la categoria Giovanissime, annate 2003 2004, conquistava l’accesso alla fase finale nazionale. Quella squadra, composta da giocatrici molto forti, in un girone a 10 squadre, totalizzò 31 punti, piazzandosi in quarta posizione nella classifica finale.
Incredibilmente, quest’anno, per accedere alle finali, non è bastato migliorarsi di una posizione, e arrivare 3° alla conclusione dell’ultima giornata di campionato. Non è bastato totalizzare 39 punti, 8 punti in più dello scorso anno, che, sempre in un girone a 10 squadre, per le squadre di vertice rappresentano un’enormità.
Perché questo? Perché tutto era stato deciso con l’anomala formazione dei 2 gironi caratterizzanti il campionato Giovanissime Femminile Lombardo stagione 2018-19.
Da una parte il nostro Girone A, con Milan e Inter superiori in tutto, con esito finale scontato; dall’altra un Girone B, nel quale una sana competizione ci avrebbe sicuramente permesso di giocarci la possibilità di accompagnare le milanesi alla fase nazionale.
Ci eravamo da subito chiesti: perché 2 gironi e quale criterio sarà stato adottato per la suddivisione delle squadre per la composizione degli stessi?
Quale criterio? Di certo non la territorialità: il nostro campo ufficiale di gioco, al Lambrone, dista 50 km da Zingonia, ma ben 60 da Sedriano sede Inter, e 70 dal Vismara sede Milan; siamo quindi più vicini all’Atalanta che non alle milanesi. I campi del Milan e della Riozzese distano tra loro una manciata di km, ma i team sono stati inseriti in gironi diversi.
Quale criterio? Di certo non l’equilibrio della manifestazione: da una parte sempre 4, 5 squadre a rendere accettabile e interessante ogni domenica la competizione, dall’altra un girone composto da due team storici e poi da squadre che si affacciavano per la prima volta alla categoria. Se abbiamo in questo momento ben 16 punti in più rispetto alla pari classificata del Girone B, e questa terza classificata è già in differenza reti negativa ( -21! ), vuol dire che qualcosa scricchiola nella definizione dei gironi effettuata.
Da ultimo, perché pur sapendo a priori quali sarebbero stati gli scontati risultati delle classifiche finali, non si è data la possibilità di definire tramite play off la terza e la quarta squadra per la fase nazionale?
Non era difficile, e sarebbe stato più equo verso tutte le partecipanti: 2°girone A vs 3° girone B, e viceversa, partita secca o andata e ritorno, …………..…. o forse si, a pensarci bene era difficile.

Meglio tornare al calcio giocato e rendere omaggio alle nostre ragazze per il gran campionato disputato: le comasche hanno ampiamente centrato e superato l’obiettivo prefissato a settembre: terzo posto e soglia dei 35 punti; chiudono con il terzo miglior attacco e praticamente la seconda difesa meno battuta insieme all’Inter e dietro al Milan.
Certo, la partita di domenica non le ha viste esprimere il loro miglior calcio, ma a loro discolpa va data la presenza del primo caldo ed una carica agonistica appagata, con la classifica ormai decisa.
Da sottolineare come la partita contro le pari età della ProSesto abbia visto l’esordio in campionato di Malacrida Sara e Sabbadin Greta; per loro un’ ottima prova.
Ma è a fine partita che per le azzurrine arriva il momento più bello: quando i giovani calciatori dell’Albavilla U15, correttissimi compagni di amichevoli infrasettimanali, regalano un fiore ad ognuna delle nostre ragazze. Davvero un bel gesto, che ci ricorda come dovrebbe sempre essere vissuto lo sport giovanile da noi e dai nostri ragazzi.
Complimenti a questi giovani galantuomini e al loro mister Daniele.

Ora, con la fine del campionato le nostre calciatrici verranno prevalentemente allenate, una parte dallo staff del Centro Federale, e una parte dagli allenatori della nostra Juniores. Le ragazze avranno così la possibilità di prepararsi al meglio per le dure sfide che le aspettano nei tornei primaverili, che le vedranno impegnate controAtalanta, Genoa, Juventus, Novara, Inter, Torino, ……
FORZA RAGAZZE !

C.M.

COMO2000 – PRO SESTO, 2-0 (aut., Colonna)
COMO2000: Annoni, Arrigoni, Bargna, Bianchi, Cimino, Colonna, Di Palma, Galli,
Malacrida, Sabbadin, Sciascia, Shcherbaniuk, Sironi.
PRO SESTO: Pizzardi, Palacin Castaneda, Bresci, Rispoli, Temri, Giordano, Ferraro,
Navarra, Iretti, Carulli, Vitale, Borgonovo, Pannullo, Perrone, Buzzi.

GIOVANISSIME: ANCORA OTTIMI RISULTATI DALLA SQUADRA DI MR. MASCHERPA

Domenica 17 marzo 2019, al Comunale di Nibionno, è andato in scena l’attesissimo derby tra le ragazze padrone di casa del Tabiago e le nostre Giovanissime della COMO2000.
Oltreche per storici motivi di sana rivalità territoriale, la partita era particolarmente sentita, in quanto le due compagini si giocavano il terzo posto in campionato, e con esso le remote speranze di un ripescaggio per le fasi finali nazionali.
Le premesse erano tutte per una partita particolarmente accesa e difficile: il campo del Tabiago era risultato fino a domenica praticamente inespugnabile, le corazzate Milan e Inter qui erano riuscite a siglare solo 1 gol a testa, e la difesa di Lecco si presentava come al solito ben organizzata.
Ma le nostre ragazze arrivavano da un girone di ritorno giocato su tutti i campi, fatta eccezione per la trasferta di Milano, praticamente a una porta sola.
E anche a Tabiago il copione andato in scena è stato il solito: grande coralità, tutte le ragazze in campo decise a giocare per la squadra, mettendocela tutta, con grande spirito di sacrificio. E così, è da subito diventato particolarmente difficile per le avversarie intrecciare trame di gioco che potessero impensierire le giovani lariane.
Partono forte forte le azzurrine, senza terzini, con gli esterni Dell’Oro e Di Palma alti a pressare, Sironi unica punta, cintura di centrocampo con Angelica, Beatrice e Francesca, dietro, la difesa meno battuta del girone di ritorno, capitan Galli e Arrigoni, insieme ai nostri due portieroni, Annoni e Bargna, pronte ad alternarsi in campo.
Sironi sigla subito il gol d’apertura, abile in ribattuta dopo la respinta del portiere avversario. Dopo pochi minuti Arrigoni raddoppia sugli sviluppi di un calcio d’angolo, per lei la soddisfazione del gol dell’ex. Gol dell’ex che, verso la metà della prima frazione di gioco, solo la traversa nega a Dell’Oro.
Ed è proprio Dell’Oro, che da li a qualche minuto si vede costretta ad uscire dal campo per infortunio. Ingresso di Bianchi, in regia davanti alla difesa, Beatrice sulla destra.

Il primo tempo si chiude sullo 0-2.
Il secondo tempo vede in formazione Cimino, Gaffuri, Sciascia, e con il loro ingresso il pressing azzurro aumenta ancora. Diverse occasioni da gol per le nostre ragazze, con Colonna che ripetutamente tenta l’eurogol in pallonetto, dapprima fuori di un niente, poi grande recupero dell’estremo difensore avversario.
Un rigore decretato dall’arbitro porta Bianchi, rigorista della squadra, come al solito concentrata, a non fallire dal dischetto.
La terza frazione di gioco, con la squadra avversaria ormai demotivata, vede tutte le nostre ragazze alternarsi in campo. Angelica, con un gran tiro da fuori, fissa il risultato finale sullo 0-4.
Grande prova delle azzurrine, che ancora una volta hanno mostrato un buon calcio, giocato sempre con abilità tecnica, determinazione, generosità e sorriso. Brave!

Una particolare nota di merito va data alle nostre avversarie, per l’ottimo campionato disputato e la correttezza dimostrata, in campo e fuori, nelle due sfide che ci hanno visto rivali.
Per le nostre Giovanissime ora un’altra partita, subito, martedi sera, con i quarti di finale della Bracco CUP, che le vedrà impegnate contro la Cremonese. In caso di passaggio di turno e accesso alle semifinali, il calendario prevede per il giorno 2 aprile l’ennesima sfida tra COMO2000 e INTER.
Mentre, per quanto riguarda il campionato, domenica 24 marzo alle ore 10, si giocherà in casa, a Erba, l’ultima partita, contro la ProSesto.
Sarà l’occasione per ritrovarci tutte insieme, con le 16 giocatrici in rosa, disponibili e infortunate, per festeggiare il campionato disputato da questo grande gruppo fatto
da giovani campionesse.
FORZA RAGAZZE !

TABIAGO: Piffaretti, Donatiello, Ladiga Beatrice, Ronchetti, Bernardo Martina,
Fumagalli, Pifferi, Roselli, Cattaneo, Fabbruzzo, Riva, Bernardo Laura, Colombo,
Rusconi.
COMO2000: Annoni, Arrigoni, Bargna, B.Angelica, B.Beatrice, Bianchi, Cimino,
Colonna, Dell’Oro, Di Palma, Gaffuri, Galli, Sciascia, Sironi.

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.
Martedi 19 marzo 2019, BRACCO CUP, Quarti di finale, Milano Campo Enotria
COMO 2000 – CREMONESE 11 – 0
Como 2000: Annoni, Galli, Bianchi, Arrigoni, Cimino, Sironi, Colonna, Shcherbaniuk, Bargna, Sciascia,
Di Palma, Gaffuri.
Cremonese: Bertelle, Acunzo, Zeglioli, Cofferti, Giacchetta, Barbara, Benassi, Mazzi, Ban, Moustafa,
Parodi, Lamoretti, Cotti, Gagliardi.
Reti: 5’ Bianchi (Co), 7’ Galli (Co), 9’ Sciascia (Co), 13’ Galli (Co), 14’ Sciascia (Co), 12’ st Cimino (Co),
18’ st Galli (Co), 4’ tt Bianchi (Co), 11’ tt Colonna (Co), 18’ tt Bianchi (Co), Sciascia

GIOVANISSIME: UNA SQUADRA CHE REGALA GRANDI RISULTATI

Domenica 10 marzo 2019
Fcf Como 2000 5-0 Football Milan ladies

Fcf Como 2000: Annoni, Bargna, Galli, Arrigoni, Di Palma, Sciascia, Cimino, Gaffuri, Colonna, Sironi, Carnovali, Bianchi.
Marcatori: Colonna, Sciascia, Bianchi, Gaffuri, Colonna

Football Milan Ladies: Fassina, Miotto, Pavlova, Veneziani, Najid, Penna, Tanga, Macchia, Melioli, Majone, Gobel, Marcioni, Raina, Frattini.

Un’altra importante vittoria delle giovanissime.
Dopo pochi minuti Colonna sblocca il risultato, sfruttando un errore difensivo delle avversarie e portando in vantaggio la squadra di casa.
La Como 2000 riesce a dominare la partita per tutto il primo tempo, conclusosi sul 3-0 (Sciascia, Bianchi).
Il secondo tempo vede affrontarsi le due squadre soprattutto a livello fisico. I ritmi di gioco rallentano ma Gaffuri con un buon pressing sulla linea di passaggio tra portiere e terzino riesce a trovare un’altra conclusione personale (4-0).
Nell’ultima frazione di gioco il Milan Ladies riesce a sorprendere la difesa della Como 2000 con alcune ripartenze ma senza trovare il goal.
È poi Colonna, dopo aver colpito l’incrocio dei pali in un’azione precedente, a trovare il goal che porta la squadra di casa al 5-0.
Una vittoria importante in vista del prossimo incontro: domenica 17 marzo, FemminileTabiago – Fcf Como 2000

Laura Confalonieri