PRIMAVERA

JUNIORES: SUL PALO SI INFRANGE LA COMO 2000

Como 2000 vs Riozzese 1:1

Como 2000 e Riozzese danno vita ad una sfida ricca di emozioni: ritmo, occasioni, capovolgimenti di fronte, ma soprattutto ardore agonistico, infuocando la platea discretamente numerosa.
Il copione della partita segue un unico filo conduttore dall’inizio alla conclusione dell’ incontro: le ospiti a costruire con dimestichezza e sagacia, che tuttavia non riescono per quasi tutto l’incontro a creare breccia nel castello difensivo lariano, solido nella riconquista e caparbio nelle ripartenze.
Nei primi 20 minuti la Como crea due nitide occasioni da rete con Valentina Boldini (oggi migliore in campo) che imbeccata da Ienna sola davanti al portiere calcia di poco a lato e Marianna Bruno che da dentro l’area calcia debolmente.
La Riozzese prende più campo, ma calcia solo dalla distanza con Menozzi e Contardi fatte scendere dalla prima squadra delle rosanero, ma ben marcate da Sara Meroni (classe 2003) e Arianna Castelletti a cui va un grande plauso per essersi fatta trovare più che pronta alla sua prima partita di vertice da titolare.
Il secondo tempo vede le due squadre aumemtare il furore agonistico. Allungandosi la Como si mostra più vulnerabile e infatti viene colpita al 20 del st, brava ad approfittare di un’incertezza di Lucrezia Colombo che fatica a trattenere un tiro da fuori area.
La reazione è fulminea e sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti è Valentina Boldini ad insaccare per il pareggio.


Gli ultimi minuti mostrano tutto il cuore e l’orgoglio lariano. Prima Arianna Spagna calcia malamente da fuori, poi Beatrice Benecchi sugli sviluppi di una punizione, manda clamorosamente la palla fuori a 5 cm dalla porta completamente sguarnita. Infine il colpo di grazia, che non permette di coronare una prestazione di consapevolezza e maestria che per occasioni create avrebbe meritato altro esito, con Valentina Boldini che ben servita da Anbeta Gilardoni, a tu per tu con il portiere della Riozzese, calcia un preciso sinistro all’angolino, che si infrange drammaticamente sul palo.

Mr. Stefano Cincotta: “io sono nuovamente soddisfatto, non siamo state belle, vero, ma in fase difensiva siamo state quasi perfette e il reparto offensivo ha mostrato grande sacrificio e spirito di abnegazione. A volte serve più sostanza che estetica. Un dispiacere enorme per le mie ragazze, meriterebbero soddisfazioni ben più grandi”.

Erba, 16.2.2019

s.c.

JUNIORES: AZALEE vs COMO 2000,… CHE BATTAGLIA!

Azalee vs Como 2000  2:0

Azalee e Como 2000 hanno dato vita ad una sfida avvincente, tra due squadre ai vertici della classifica, separate da soli due punti, e da una storica calcistica rivalità tra la compagine di Varese e le lariane. Una sfida che riconcilia con il buon calcio e la voglia di emozionarsi grazie allo sport. La partita si rivela da subito ricca di colpi di scena, con le due squadre che si alternano nel dominio della gara. Le padroni di casa si portano in vantaggio alla prima occasione utile, con il baby fenomeno Alice Coppola. Una sontuosa Marianna Bruno (migliore in campo per le lariane) tiene vivo il reparto offensivo della Como, riuscendo quasi da sola a creare tutte le palle goal pericolose per le bianco-azzurre.

Soprattutto nei primi 15-20 minuti del secondo tempo la Como 2000 gestisce molto bene il possesso della palla dando parvenza di poter riagguantare il risultato, facendosi pericolosa con Ienna e con Boldini, ma proprio nel miglior momento le Azalee realizzano il 2-0 che taglia morale e gambe alle comasche, con un goal da 40 metri all’incrocio del palo più lontano.

Negli ultimi 15 il mister prova una mossa disperata schierandosi 3-3-4, ma finisce solo con il far esporre le sue ai contropiedi avversari.
Fortunatamente le Azalee non affondano e il risultato si chiude con un 2-0 legittimo, ma che riconosce poco merito alla prestazione delle comasche.

Mr. Cincotta a fine gara: “rispetto e stima per le Azalee, giocano un calcio ricco di verticalizzazioni e hanno tanto talento individuale. Abbiamo perso, ma siamo state pari a loro e non la ritengo una sconfitta. Ci tengo a sottolineare un concetto: io e la mia squadra siamo determinate e per nulla abbattute, chiunque vorrà vincere, dovrà sudare“.

Parole adatte in vista del prossimo impegno casalingo contro la formazione juniores della Riozzese che ieri ha agganciato al terzo posto proprio le ragazze della Como 2000.

Golasecca 10/2/19

PRIMAVERA: CADUTA E RISCOSSA

3Team Bescia Calcio – Fcf Como 2000    1:3

Le giovani lariane escono dal campo del 3team con un successo raggiunto in extremis al termine di una gara disputata sottotono, che ha visto la squadra di Stefano Cincotta sotto di una rete per 65′ (dal 20′ al 85′) paurosi minuti, prima del riscatto finale, ottenuto solo negli ultimi 5 minuti.
La gara prende avvio con una tonica ed esuberante 3team, capace di manovrare con agilità il pallone, mettendo in mostra idee di gioco chiare e corroborate. La compagine bresciana si impone stabilmente nella metà campo comasca, con le ospiti ridotte solo a sterili contropiedi. Al 20′ un lancio sulla fascia porta allo smarcamento di Vera Plodari che con un cross teso trova il meritato vantaggio su autogoal di un incolpevoleAsia Sampietro.
La reazione che ci si aspetta non arriva e la Como 2000 sembra smarrita tra poche idee e bassa intensità.
Il secondo tempo prende avvio con un piglio leggermente diverso, ma fino a 20′ dalla fine le squadre si equivalgono senza che nessuna riesca a ipensierire più di tanto i rispettivi portieri. Dal 70′ la Como 2000 prende consapevolezza di quanto si stia giocando ed emerge più per foga e carattere, che per tattica e principi di gioco. Questi ultimi che saltano del tutto quando mr Cincotta fa la mossa della disperazione: spostare Giulia Talarico da difensore centrale  in attaccante e giocare con uno spericolato 3-2-5. La mossa premia, infatti è proprio quest’ultima a realizzare il goal del pareggio, e a tu per tu con il portiere imbecca di sinistro la palla nell’angolino basso. La Como a quel punto ci crede, e il forcing offensivo porta al 87′ al goal del vantaggio con capitan Spagna, che dal limite conclude con un forte tiro che il portiere non risce a deviare e sfiora, mandando in porta. La gara termina definitivamente al 90′, con Emma Carnovali atterrata in area e rigore concesso alle lariane.
Arianna Spagna dal dischetto segna, 1 a 3 e gara definitivamente conclusa.

Le parole di mister Cincotta a fine gara, evidentemente contento solo per il risultato: “Oggi mi sento solo di fare i complimenti alle ragazze di Mr Bighè (allenatore della 3Team ) , augurandomi che per le mie sia stata solo una parentesi”

Sabato prossimo impegno casalingo contro la formazione Juniores del “Città di Opera” al Lambrone di Erba.

Flero (BS) 27/1/19

JUNIORES: SI CHIUDE IL GIRONE D’ANDATA A SOLI DUE PUNTI DALLA VETTA

BASIGLIO MILANO 3–COMO 2000   0:9

Ampiamente rispettato il pronostico della gara con la Juniores di mister Cincotta che battendo le milanesi del Basiglio Milano 3 chiude il girone di andata al terzo posto, distante due punti dalla vetta. Ben nove le reti segnate prima che il direttore di gara fischiasse la fine della partita mentre nessun rischio per Camilla Casartelli che tra i pali si è limitata a gestire qualche pallone. In rete Arianna Spagna che apre le marcature, seguita da Valentina Boldini e Marianna Bruno che segna una doppietta. Doppietta anche per Alessia Ienna e tripletta per Camilla Di Iorio. Adesso la lunga pausa invernale che per la Como 2000 si concluderà il 27 gennaio 2019 quando la compagine lariana si recherà in trasferta sul campo della 3 Team Brescia per riprendere la rincorsa alla vetta della classifica.

Durante la pausa del campionato le giovani comasche sono comunque attese da numerosi impegni che le vedranno scendere in campo in partite amichevoli che il duo Cincotta Talarico sfrutterà al meglio per continuare nel lavoro di crescita finora condotto.

Basiglio Milano 3, 1/12/18

PRIMAVERA: PAREGGIO E GRAN CALCIO

Fcf Como 2000 – Real Meda 1:1

Formazioni
Como 2000: Colombo, Benecchi B, Meroni, Benecchi A., Carnovali, Sampietro , Ienna (Gilardoni), Spagna, Bruno (Di Iorio), Valli (Michieletto), Boldini. A disp. Casartelli, Castelletti, Scarpelli. Allenatori: Stefano Cincotta e Giulia Talarico.
Real Meda: Colombo, Uboldi, Cappelletti, Borin, Gastaldo, Gatti, Bisceglie, Porro, Lafiosca, Marelli, Anastasio. A disp. Mandorino, Piolanti, Rocco, Forbicini. Allenatore sig. Marelli

Marcatrici: Porro (R); Spagna (C).

Sul sintetico del Lambrone le giovani lariane ospitano la corazzata Real Meda, primatista distante 2 punti dalle comasche.
La Como domina la partita sotto ogni aspetto, tattico, mole di gioco, occasioni, e perfino pressing e grinta. Eppure nonostante varie volte sia riuscita ad entrare nell’area avversaria concludendo debolmente con Valentina Boldini due volte, una volta con Marianna Bruno e dal vertice destro dell’area con Alessia Ienna, l’occasione più ghiotta arriva con Arianna Spagna (partita sublime per il capitano) dalla distanza, la quale dopo aver driblato un avversario fa partire un gran bolide che si infrange sulla traversa. Il Meda che per larghi tratti si è affidato solo ai lanci, si dimostra però squadra più cinica. Prima fa tremare il pubblico di casa con una serie di rimpalli ad un metro dalla linea di parte sui quali prima Lucrezia Colombo compie i consueti miracoli, poi Emma Carnovali con le compagne della difesa, (Sampietro , B. Benecchi , Meroni e Spagna) si immolano, riuscendo a mettere in salvo. Nulla possono le padrone di casa sulla bellissima punizione di Serena Porro che con un forte tiro sotto la traversa insacca per l’1 a 0 che chiude il sipario sul primo tempo.
La Como 2000 ne si scoraggia ne si scompone e persegue il secondo tempo sulla falsariga del primo. Dopo 10 minuti di dominio territoriale del Meda tra il 10° e 20° per il resto della gara sono ancora le Comasche ad imporre gioco e occasioni. In successione Camilla Di Iorio, Valentina Boldini, Chiara Michieletto e Beatrice Benecchi dalla distanza provano a impensierire il portiere avversario Chiara Colombi ma il Meda, ammassato con 7/8 giocatrici dentro l’area rende arduo il recupero. Per loro solo un occasione scaturita da un mancato rilancio sulla quale Lucrezia Colombo si dimostra nuovamente un portiere di eccezionali capacità. La Como fa ben 4 cambi, ma il suo volto non cambia, né la sua intensità, né il suo predominio, né la caparbietà di voler recuperare un risultato che sa di beffa. Così al 75° vede premiati i suoi sforzi, con Anbeta Gilardoni che dopo una bella incursione dalla sinistra viene servita dentro l’area e atterrata da Camilla Borin. Calcio di rigore.
Nel momentaneo silenzio di un Lambrone fino ad allora rumoroso e finalmente pieno è Arianna Spagna che si incarica della battuta. Rincorsa, tensione, silenzio tutto intorno… goal! All’angolino basso a destra la palla supera finalmente la linea e la Como recupera un risultato che sembrava davvero ingiusto. La partita prosegue a fasi alterne senza pericolose occasioni, fino al triplice fischio dell’ arbitro che lascia l’amaro in bocca alle Comasche per aver dominato quasi per intero la gara, ma sancisce comunque una prova magistrale della Juniores di Stefano Cincotta e Giulia Talarico capaci di imporsi per gioco e occasioni anche con una squadra di altissima classifica.

Per l’occasione le parole di coach Giulia Talarico (assistant coach) a fine gara: “Credo che oggi abbiamo dimostrato di poter giocare alla pari con qualunque squadra del campionato e di meritarci la nostra posizione nella parte alta della classifica. Anzi, questo terzo posto ci sta molto stretto, ma la strada è ancora lunga e non ho dubbi sul fatto che, se continuiamo così, a maggio la classifica sarà diversa. Sono orgogliosissima delle mie ragazze, hanno fatto anche più di quello che io e Mister Cincotta abbiamo chiesto loro per tutta la settimana, si meritano tantissimo!”

Erba, 24/11/18
S.G.